IMMOBILE COMMERCIALE E RESIDENZIALE, Milano, 2017

In viale Pasubio, a Milano, i proprietari di un lotto lungo e molto stretto avevano intenzione di inserire, su una volumetria commerciale esistente, una volumetria residenziale. Il Comune aveva dato come unico vincolo, oltre ai limiti di edificabilità per il lotto, la disponibilità a sistemare e unificare quanto più possibile il fronte sulla via principale, rispettando gli allineamenti esistenti.

Dopo aver effettuato il rilievo fotografico e metrico del lotto, per integrare in modo adeguato il nuovo immobile nel contesto territoriale, mi sono letteralmente guardata intorno. Sono entrata nei cortili visitabili, ho studiato le diverse tipologie abitative del quartiere. Con grande sorpresa, ho ritrovato numerosi cortili con edifici di ringhiera: questa è stata l’ispirazione e la strada che ho deciso di seguire per il nuovo progetto. Una tipologia edilizia che mi permetteva di ricavare, a piano terra, anche dei giardini privati.

Poiché il lotto presenta due affacci opposti, su due differenti vie, ho scelto di dare ad ogni destinazione d’uso un accesso esclusivo, per evitare qualsiasi tipo di interferenza.

Alla parte commerciale ho naturalmente lasciato l’affaccio sulla via commerciale, più importante e di maggior passaggio. Ho anche previsto un volume di unione tra le due stecche esistenti e creato una circolarità di movimento, valorizzata dalla forma a ferro di cavallo.
Alla residenza ho destinato l’affaccio sulla via interna, più tranquilla: in questo modo, chi fruirà di quegli spazi potrà godere di maggior silenzio.